Categoria: Psicoanalisi

RECIPROCITA’

RECIPROCITA’ Il lavoro che “ha successo” è un pensiero fisico: l’avvenire del tempo nel lavoro è l’avvenire del proprio tempo nella relazione con l’altro. Con il mondo. Questa, quella di lavorare, è forse la parte di storia che ci spetta…

“NON CE LA FACCIO” …

“NON CE LA FACCIO” “Non ce la faccio” è la frase più frequente non tanto della nostra lamentazione quotidiana, quanto del punto della constatazione logica del nostro esistere. Se credo alla verità della frase “non ce la faccio”, effettivamente posso…

ISTERIA IN FREUD

L’ISTERIA NELLA LETTERATURA FREUDIANA L’Isteria, 1888 si tratta di un articolo di collaborazione al Handworterbuch der gesamten Medizin (Dizionario Medico) pubblicato sotto la direzione di A. Villaret. L’articolo è organizzato soprattutto attorno alla sintomatologia dell’isteria così come appariva nella trattatistica…

CONOSCERE SE STESSI

CONOSCERE SE STESSI PREMESSA Il saggio “Amore e conoscenza (1915)” di Max Scheler è una intensa e originale chiarificazione del rapporto tra atti conoscitivi e atti d’amore nello spirito umano. I diversi temi in esso affrontati convergono nell’affermare il ruolo…

STARE BENE/STARE MALE

STARE BENE/STARE MALE “COME STAI?” E’, come tutti ben sappiamo, la domanda più gettonata tra due persone che si incontrano: “Come stai?”. La domanda può essere sinceramente frutto di una precedente preoccupazione, può essere una formalità di rito, a volte…

EDIPO (LEGGE PER LA SALUTE)

EDIPO EDIPO IN FREUD In Psicoanalisi la parola “Edipo” è sinonimo di legge, legge a cui il soggetto sottostà nel suo ruolo di figlio in riferimento alla sua coppia di genitori, che per l’appunto costituiscono il referente normativo. In sostanza…

UNICO CAPITOLO: LA SODDISFAZIONE

CHI SI ANNOIA E’ PERDUTO Due questioni a a mio modo di vedere sono fondamentali per il nostro vivere in salute, e dunque aiutare anche gli altri a farlo: la noia e la passione. Dico subito che noia sta per…

UN UOMO PIENO DI LIMITI 3

Il rifiuto della rinuncia porta alla angoscia. Ma da punto di vista strettamente umano sappiamo che non possiamo rinunciare a tutto. Quello che è definitivamente perduto, o che noi riteniamo tale, non ci trova sempre presenti alla rassegnazione, e sappiamo…

UN UOMO PIENO DI LIMITI 2

La posizione dell’”offeso”, di colui che dall’altro ha o pensa di avere ricevuto una offesa, è sempre una posizione di privilegio che consente (senza il pagamento di alcun senso di colpa) l’attacco verso l’altro e la obiezione alla relazione. La…