Categoria: Psicoanalisi

LA SALVEZZA (“SI SALVI CHI PUO'”)

  LA SALVEZZA (“SI SALVI CHI PUO’”)     SALUS Vorrei parlare della salvezza. Parto da qui per il semplice fatto che, a mio modo di vedere, la “questione delle questioni” della nostra esistenza, quella che giustamente occupa il tempo…

IL PERDONO

chi può perdonare? – girare pagina dopo averla letta – perdono come fede e speranza IL PERDONO PREMESSA 1 “Nella parola ‘perdono’ la particella intensiva ‘per’ attribuisce al dono il valore di una offerta totale, incondizionata. Il perdono riflette la…

IL SOGGETTO SOVRANO

IL SOGGETTO SOVRANO            Premessa Per dirla subito e in modo lapidario la sovranità  consiste nel  pieno diritto del soggetto ad aspirare a essere soggetto, e dunque prerogativa di quel soggetto che è soddisfatto della propria…

LA PRESUNZIONE DEI PRESUNTUOSI

La presunzione è sempre stata trattata come peccato, e il presuntuoso è sempre stato pesato come peccatore, da tutte le etiche e da tutte le religioni, perfino dal buon senso: chi alza se stesso troppo in altro non piace a…

FIGLIO PADRE/ PADRE FIGLIO

Il figlio pensa 1. Figlio è un pensiero e nello stesso tempo un inizio. C’è un tempo prima del figlio e un tempo dopo il figlio. Figlio è un pensiero di essere nati da qualcuno, dall’amore, non dal rapporto sessuale,…

RECIPROCITA’

RECIPROCITA’ Il lavoro che “ha successo” è un pensiero fisico: l’avvenire del tempo nel lavoro è l’avvenire del proprio tempo nella relazione con l’altro. Con il mondo. Questa, quella di lavorare, è forse la parte di storia che ci spetta…

“NON CE LA FACCIO” …

“NON CE LA FACCIO” “Non ce la faccio” è la frase più frequente non tanto della nostra lamentazione quotidiana, quanto del punto della constatazione logica del nostro esistere. Se credo alla verità della frase “non ce la faccio”, effettivamente posso…

ISTERIA IN FREUD

L’ISTERIA NELLA LETTERATURA FREUDIANA L’Isteria, 1888 si tratta di un articolo di collaborazione al Handworterbuch der gesamten Medizin (Dizionario Medico) pubblicato sotto la direzione di A. Villaret. L’articolo è organizzato soprattutto attorno alla sintomatologia dell’isteria così come appariva nella trattatistica…

CONOSCERE SE STESSI

CONOSCERE SE STESSI PREMESSA Il saggio “Amore e conoscenza (1915)” di Max Scheler è una intensa e originale chiarificazione del rapporto tra atti conoscitivi e atti d’amore nello spirito umano. I diversi temi in esso affrontati convergono nell’affermare il ruolo…