-Email -Email   STAMPA-Stampa 

ECCO MASOCH!!

“Ma la morale?

“Che la donna, a tutt’oggi, quale la natura l’ha creata e nei suoi rapporti con l’uomo, è sua nemica e può essere solo sua schiava o sua despota, “mai sua compagna”.

Potrà esserlo solo quando godrà di diritti uguali a i suoi, quando gli sarà pari per educazione e per lavoro.

Ora possiamo solo scegliere se essere martello o incudine, ed io sono stato tanto somaro da rendermi schiavo di una donna. Lo capisci?

Ecco dunque la morale della storia: chi si lascia frustare merita di essere frustato.

Le frustare, come vedi, mi hanno fatto molto bene, la rosea nebbia sovrasensuale si è dispersa e nessuno mi darà più a intendere che le sacre scimmie di Benares, o il gallo di Platone sono fatti a immagine e somiglianza di Dio”. (Leopold von Sacher-Masoch, Venere in pelliccia, Es srl, 2010, p.144)

Questo è l’ultimo brano di Masoch, l’ultimo brano del masochismo. Ma è un brano: il pezzo che i cani sbranano. A ragione e con gusto e natura.

Guido Savio

-Email -Email   STAMPA-Stampa