-Email -Email   STAMPA-Stampa 

DOMENICA

Una domenica senza Dio è una domenica vuota, ma è vuota anche senza il calore di un uomo, di una donna, di una famiglia, di un paese, di una città… di un contenitore insomma che ti faccia sentire che è festa.

La domenica è vuota senza Dio, e se poi vai in chiesa a cercarlo, e trovi la chiesa vuota, disabitata da lui e popolata da un sacco di gente che è lì perchè non sa dove altro andare…è ancora peggio.

Non capisci nemmeno se Dio è andato in gita pure lui, la domenica.

In chiesa la domenica il vuoto non si colma ma rischia di ingigantirsi. Ed anche i preti non ne hanno colpa. Sono anche loro figli del nostro tempo. C’è qualcosa che manca alla messa, qualcosa che è andato perduto e noi non sappiamo darci una ragione. Non sappiamo capire perchè.

La domenica è un po’ stata ammazzata (non erano necessarie le direttive europee). E’ un po’ stata ammazzata la festa. La voglia di fare festa. Di lasciarci andare. Anche a Dio, perchè no?

Si è insinuato in noi una specie di ateismo festivo che ha trasformato la domenica in un giorno del decesso di Dio. Del decesso della festa dell’uomo.

Guido Savio

-Email -Email   STAMPA-Stampa